Ti trovi in: Home - Dogane - L'operatore economico - Aree tematiche - Lotta alla contraffazione - L’attività di contrasto: il ruolo dell’agenzia delle dogane

L’attività di contrasto: il ruolo dell’agenzia delle dogane

Il ruolo nevralgico dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli deriva dalla sua esclusiva competenza nella gestione del cd. “momento doganale”, ovvero della fase in cui la merce deve essere dichiarata in dogana per poi essere eventualmente sottoposta ai controlli finalizzati all’ingresso nel territorio doganale dell’Unione o all’uscita dal medesimo.

I funzionari della dogana italiana, oltre alle attività amministrative, svolgono anche funzioni di polizia giudiziaria e tributaria; gli stessi

  • proteggono il mercato interno dell'UE dall’importazione di merci contraffatte provenienti dai Paesi terzi che entrano attraverso il territorio doganale italiano;
  • operano negli spazi doganali bloccando le merci sospettate di contraffazione per accertare l’autenticità dei prodotti e tutelare i titolari dei diritti;
  • svolgono indagini sull’intero territorio su delega dell’Autorità giudiziaria procedendo alla visita delle merci e al loro sequestro, ai controlli a posteriori con accesso presso i locali commerciali delle aziende, così come previsto dal codice doganale e dalle norme nazionali.

Il fenomeno della contraffazione è correlato, come ormai noto, a reti di criminalità organizzata internazionale che beneficiano dei relativi proventi.

Le azioni di prevenzione e contrasto vengono pertanto coordinate tra Autorità ed Enti pubblici di livello internazionale (OMD, EUROPOL), europeo (Consiglio UE, Commissione UE e OLAF) e nazionale (tra gli altri, Ministero dello Sviluppo economico, Ministero degli interni, Forze di Polizia, Autorità Giudiziaria, Ministero politiche agricole e forestali, Ministero dei beni culturali), per assicurare lo scambio di informazioni, conoscenze, iniziative e, soprattutto, collaborazioni di carattere giuridico-operativo per effettive azioni repressive sul campo.

Tra i settori di intervento sul fronte della contraffazione, nel settore farmaceutico l’Agenzia partecipa alla Task Force nazionale IMPACT ITALIA, di cui fanno parte, tra gli altri, l’A.I.F.A. (Agenzia Italiana del Farmaco), il Comando Carabinieri del N.A.S. e il Ministero della Salute, compagine deputata al contrasto della contraffazione farmaceutica.

Appositi Protocolli d'intesa stipulati dall’Agenzia delle dogane con le associazioni di categoria di produttori e dei consumatori maggiormente rappresentative della realtà economica nazionale, sono volti a rafforzare la reciproca cooperazione e a porre in essere ogni utile proposta e intervento per accrescere l'efficacia del contrasto dei traffici illeciti di prodotti contraffatti e di merci usurpative.



Risultati conseguiti dall’Agenzia delle dogane nel 2016

I sequestri complessivi operati dagli uffici delle dogane includono sia i sequestri riconducibili al Reg. 608/2013 sia quelli relativi all’art. 474 c.p. (per il quale si agisce semplicemente sulla base di una perizia del titolare del diritto violato anche in assenza di una domanda di intervento o in presenza di domande scadute).

Categoria TAXUD

Anno 2016

 N. pezzi

 Valore accertato (euro)

 Valore stimato (euro)

1) Prodotti alimentari e bevande

176.045

160.136

206.136

   1a) prodotti alimentari

44.736

8.947

8.947

   1b) bevande alcoliche

112.463

127.245

173.245

   1c) altre bevande

18.846

23.944

23.944

2) Prodotti per la cura del corpo

60.116

126.798

145.798

   2a) profumi e cosmetici

51.289

34.884

53.884

   2b) altri prodotti per la cura del corpo

8.827

91.914

91.914

3) Abbigliamento ed accessori

175.182

2.677.641

3.705.722

   3a) abbigliamento

89.038

2.240.659

2.474.577

   3b) accessori

86.144

436.982

1.231.145

4) Calzature e loro parti

187.859

1.050.170

1.421.339

   4a) calzature sportive

35.737

789.995

807.499

   4b) altre calzature

152.122

260.175

613.840

5) Accessori personali

122.716

2.202.859

3.954.080

   5a) occhiali da sole e da vista

7.173

76.349

118.866

   5b) borse

54.090

803.031

2.425.936

   5c) orologi

7.212

1.026.247

1.109.850

   5d) gioielli ed altri accessori

54.241

297.232

299.428

6) Telefoni cellulari e loro parti

117.765

1.549.013

1.657.746

   6a) telefoni cellulari

2.569

413.037

437.493

   6b) parti ed accessori

115.196

1.135.976

1.220.253

7) Apparecchi elettronici ed informatici

218.062

917.105

1.593.063

   7a) apparecchi audiovisivi e loro parti

12.546

202.439

701.419

   7b) memory cards, memory sticks

38.456

128.024

175.368

   7c) cartucce per stampanti e toner

0

0

0

   7d) apparecchi informatici e loro parti

5.756

33.378

57.758

   7e) altri apparecchi e loro parti

161.304

553.264

658.518

8) CD,DVD, cassette, cartucce per giochi

674

1.574

31.100

   8a) registrati

674

1.574

31.100

   8b) non registrati

 

 

 

9) Giocattoli, giochi e articoli sportivi

345.380

1.338.824

2.597.770

   9a) giocattoli

343.203

1.277.355

2.528.829

   9b) giochi

400

12.000

12.000

   9c) articoli sportivi

1.777

49.469

56.941

10) Tabacchi

43.857

175.361

175.595

   10a) sigarette

43.857

175.361

175.595

   10b) altri prodotti del tabacco

 

 

 

11) Medicinali

459

184.775

184.775

12) Altre merci

784.334

733.937

894.982

   12a) macchine ed utensili

8.203

33.123

54.199

   12b) veicoli e loro parti

3.001

55.113

71.335

   12c) cancelleria

122

309

412

   12d) accendini

0

0

0

   12e) etichette, cartellini, adesivi, bottoni

597.869

433.875

439.210

   12f) tessili

801

13.605

13.805

   12g) materiali d'imballaggio

136.824

27.983

76.185

   12h) altro

37.514

169.929

239.836

Totale contraffazione

2.232.449

11.118.193

16.568.106

       

Fonte: Banca Dati Antifrode e contatti diretti con le Direzioni Regionali, Interregionali e Interprovinciali e gli Uffici periferici

 



Risultati conseguiti dagli Stati Membri dell’Unione europea nella lotta alla contraffazione nel 2016

Dal rapporto della Commissione Europea in materia di lotta alla contraffazione e diritti di proprietà emerge, tra le altre, che:

  • la Cina continua ad essere il primo Paese di provenienza degli articoli contraffatti che entrano nell’UE (80%), seguita da Hong Kong, Vietnam, Pakistan e Cambogia;
  • le sigarette rappresentano il maggior numero dei sequestri (24%), seguito dai giocattoli (17%) e dai prodotti alimentari (13%).



Comunicati stampa sui sequestri