Ti trovi in: Home - Dogane - L'operatore economico - Aree tematiche - L'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per Expo 2015 - Partecipanti non ufficiali - Merce destinata al consumo nell’ambito di attività istituzionali

Merce destinata al consumo nell’ambito di attività istituzionali

Per le merci che non sono destinate ad essere commercializzate all’interno di padiglioni gestiti da operatori commercial, i Partecipanti Non Ufficiali possono procedere all’importazione in franchigia dai diritti doganali per i seguenti casi:

  1. campioni di merce di valore trascurabile, importati gratuitamente e che servono per la distribuzione all’interno della manifestazione senza compenso. Tali campioni dovranno essere identificabili come campioni gratuiti e non prestarsi, per il tipo di imballaggio, alla commercializzazione. Se si tratta di prodotti alimentari e bevande dovranno essere consumati nel corso della manifestazione. La quantità e il valore dei campioni che potranno essere importati in franchigia dai diritti doganali dovranno essere proporzionali alla natura della manifestazione, al numero dei visitatori, e all’importanza della partecipazione dell’espositore;
  2. merce da utilizzare per la dimostrazione di macchine e apparecchi, materiali di scarso valore e consumati per l’allestimento degli stand (colori, vernici, carta da parati...), stampati, cataloghi, prospetti, manifesti pubblicitari e altri oggetti forniti gratuitamente per fini pubblicitari. Ovviamente anche in tale caso le merci destinate alla dimostrazione devono essere consumate nel corso della manifestazione e il loro quantitativo deve essere proporzionato alla manifestazione stessa.

Sono esclusi dall’importazione in franchigia i campioni e le merci destinate alla dimostrazione se si tratta di prodotti alcolici, tabacco e prodotti del tabacco, combustibili e carburanti.

I Partecipanti Non Ufficiali possono comunque ricorrere al regime di ammissione temporanea, senza il pagamento dei diritti doganali, e senza applicazione delle misure di politica commerciale a condizione che le merci siano riesportate dopo l’utilizzo previsto, e comunque entro tre mesi dal termine della manifestazione, ovvero siano consumate nel corso della manifestazione (a condizione che la quantità utilizzata sia proporzionata allo scopo e al numero dei visitatori). All’atto della presentazione della dichiarazione di ammissione temporanea, deve essere prestata la garanzia per i diritti doganali relativi alla merce vincolata a tale regime. La facilitazione di cui al precedente periodo non si applica alle bevande alcoliche, al tabacco e ai combustibili.