Ti trovi in: Home - L'Agenzia - Emergenza COVID-19 - Istruzioni per l'importazione con svincolo diretto e celere

Istruzioni per l'importazione con svincolo diretto e celere

 
  • L’ordinanza del Commissario Straordinario n.6 del 28 marzo 2020 prevede che l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli debba adottare ogni azione utile allo sdoganamento diretto e celere dei dispositivi di protezione individuale (DPI) e degli altri beni mobili necessari al contrasto alla diffusione del COVID 19
  • Il Commissario Straordinario per l’emergenza COVID 19, in particolare, ha definito una procedura di svincolo diretto per le importazioni del materiale DPI destinato a determinati soggetti indicati nell’ordinanza.
  • Con decisione della Commissione Europea del 3 aprile 2020 è stata disposta inoltre la esenzione da dazi e iva doganali se la merce utile al contrasto al Covid19 è destinata a determinati soggetti individuati dalla Decisione comunitaria ed è importata per la distribuzione gratuita.
  • Con determinazione direttoriale prot. N. 107042 RU del 3 aprile 2020 ADM ha stabilito le modalità di applicazione delle esenzioni fiscali.
  • L’art. 2 dell’ordinanza commissariale n.6/2020 prevede una specifica procedura per lo sdoganamento diretto e ultrarapido di DPI qualora questi dispositivi siano destinati a determinati soggetti individuati in:

    a) Regioni e Province autonome

    b) Enti locali

    c) Pubbliche amministrazioni ed Enti pubblici cosi come indicati nell’art 1 comma 2 D.lgs 165/2001

    d) Strutture ospedaliere pubbliche ovvero accreditate e/o inserite nella rete regionale dell’emergenza

    e) Soggetti che esercitano servizi essenziali e/o di pubblica utilità e/o di interesse pubblico cosi come previsti dal DPCM 22 marzo 2020, modificato, da ultimo, dal DPCM del 26 aprile 2020 e relativi allegati.

  • I dispositivi destinati a soggetti diversi da quelli indicati sono requisibili su disposizione del Commissario straordinario
  • Al fine di chiedere lo sdoganamento diretto o celere dei dispositivi DPI e degli altri beni mobili utili al contrasto della diffusione del virus COVID 19, secondo le prescrizioni dell’ordinanza commissariale n.6/202°, ADM ha predisposto le seguenti procedure:

    a) Svincolo diretto per DPI e altri beni mobili utili alla lotta al COVID 19 destinati a determinati soggetti previsti dall’ordinanza commissariale 6/2020

    b) Svincolo celere di beni mobili non DPI utili al contrasto della diffusione del virus COVID 19 destinati a qualsiasi soggetto che possa provare che l’impiego di tali beni avverrà per le finalità descritte

    I modelli di cui alle precedenti lettere a) e b) devono essere compilati e sottoscritti a cura del destinatario finale della merce e presentati agli uffici doganali.

    In caso intervenga un soggetto importatore, unitamente al modello di svincolo diretto o di svincolo celere, dovrà essere prodotto agli uffici doganali il seguente modello compilato e sottoscritto dall’importatore

    c) Con l’Ordinanza del Commissario Straordinario n. 13 del 9 maggio 2020 è stato stabilito che siano ammissibili allo svincolo diretto DPI (FFP2, FFP3, N95, KN95, indicati nella circolare del Ministero della Salute prot. 4373(1) del 12 febbraio 2020) o altri beni mobili utili alla lotta al COVID-19, nonché mascherine chirurgiche e i prodotti loro “assimilabili” se importati dagli Associati/Aderenti alle Associazioni firmatarie dei Protocolli di Intesa sottoscritti in data 1 e 3 maggio 2020 dal Commissario Straordinario con Federfarma, Assofarm, Farmacie Unite, Unaftisp, FTPI, FNP, PI, Federfardis, MNLS, ULPI, Federfarma Servizi ed ADF, Confcommercio, Federdistribuzione ed ANCD Conad. Tali operazioni sono assoggettate a IVA e Dazi doganali.

    d) ADM ha sottoscritto dei Protocolli d’Intesa con Regioni, Enti Territoriali e Associazioni di categoria al fine di ammettere a una speciale procedura di svincolo diretto, in esenzione d’IVA e Dazi doganali i DPI e le Mascherine importate per essere distribuite gratuitamente ai dipendenti delle imprese e degli esercizi facenti capo alle singole Associazioni. In questo caso, occorre utilizzare apposito Modulo di svincolo diretto (denominato MSDPI) e il relativo Prospetto riepilogativo.

  • Tenuto conto di quanto disposto dall’art. 124 del Decreto Legge n. 34 del 19 maggio 2020 (Decreto Rilancio), in linea generale, a tutte le operazioni aventi ad oggetto l’importazione di: ventilatori polmonari per terapia intensiva e subintensiva; monitor multiparametrico anche da trasporto; pompe infusionali per farmaci e pompe peristaltiche per nutrizione enterale; tubi endotracheali; caschi per ventilazione a pressione positiva continua; maschere per la ventilazione non invasiva; sistemi di aspirazione; umidificatori; laringoscopi, strumentazione per accesso vascolare; aspiratore elettrico; centrale di monitoraggio per terapia intensiva; ecotomografo portatile, elettrocardiografo; tomografo computerizzato; mascherine chirurgiche, mascherine Ffp2 e Ffp3; articoli di abbigliamento protettivo per finalità sanitarie quali guanti in lattice, in vinile e in nitrile, visiere e occhiali protettivi, tute di protezione, calzari e soprascarpe, cuffie copricapo, camici impermeabili, camici chirurgici; termometri; detergenti disinfettanti per mani; dispenser a muro per disinfettanti; soluzione idroalcolica in litri; perossido al 3 per cento in litri; carrelli per emergenza; estrattori RNA, strumentazione per diagnostica per COVID-19; tamponi per analisi cliniche; provette sterili; attrezzature per la realizzazione di ospedali da campo si applica l’IVA al 5%. Inoltre, fino al 31 dicembre 2020, le importazioni e le successive cessioni di questi beni, ivi compresa la vendita al pubblico, sono esenti dall'imposta sul valore aggiunto, con diritto alla detrazione dell'imposta, ove fosse stata pagata, ai sensi dell'articolo 19, comma 1, del DPR n. 633 del 1972.
  • All’importazione, sono esenti da IVA e da Dazi doganali, le operazioni di cui alla lettera d) e, ove ne ricorrano i presupposti, quelle di cui alle lettere a) e b).
 

N.B. non sono soggetti a segnalazione per requisizione i beni importati ai sensi delle procedure di cui alla lettera a) e b) fermo restando il potere di ADM di procedere ai controlli antifrode e a tutte le attività di verifica delle dichiarazioni rese

Se vuoi saperne di più consulta le FAQ.